L’unico immortale: l’amore

amourLe mani nelle mani e gli occhi che cercano risposte. La cronaca dell’accaduto. Fredda. Un fremito e un singhiozzo.
Lui la guarda, commosso, le poggia la mano sulla schiena, quasi imbarazzato al contatto. Ha gli occhi lucidi ma trattiene le lacrime.
Sposta l’attenzione sulle cause.
Perché? Ma succede a tanti? Ma si poteva fare qualcosa?
C. invece non dice. Osserva. Si accarezza il ventre, un gesto mantenuto. Annuisce col capo, un gesto lento.
B. parla parla parla. Riempie di suoni il suo vuoto, ci prova. Poi d’un tratto interrompe e sospira. Inclina un poco il capo e poggia la mano sulla guancia, come a sorreggere il viso.
Cerco di mantenere un’apertura, costante, attenta e ho capito che non devo tentare di dare ordine logico.
Come quando mio padre mi spiegava che l’onda grande del mare va risalita e poi ridiscesa. Senza opporsi.

Continua la lettura di “L’unico immortale: l’amore”