L’agire degli stimoli sullo sviluppo della sensorialità fetale

grossesseIl bimbo prenatale è continuamente stimolato da suoni, rumori, voci e odori provenienti dalla cavità endouterina o dall’ambiente esterno. Il liquido amniotico e la placenta sono i primi trasmettitori e conduttori delle stimolazioni colte dal feto (Nathanielsz 1). Il bimbo endogestazionale è quindi dotato della capacità di ricevere stimoli e di entrare in contatto con il mondo; questi stimoli determinano la crescita neurofunzionale, cerebrale e motoria del feto. La respirazione veloce, che si ha quando la madre fuma, è considerata come uno sforzo da parte del feto per procurarsi sufficiente ossigeno. Questi fatti mostrano che la respirazione è uno dei primi comportamenti ad essere influenzati dallo stile di vita e dal grado di cultura della madre.

Continua la lettura di “L’agire degli stimoli sullo sviluppo della sensorialità fetale”

  1. Un tempo per nascere. Le nuove conoscenze sulla vita prenatale, Bollati Boringhieri

Per gioco e per amore

norman_rockwell_tribute_by_sarafinconcepts-d4j32u0Mi permetto di scrivere queste righe senza consultare pagine scientifiche né citare altisonanti e ragionate bibliografie.

Scherzo con le parole, significanti e significati in una libera associazione di pensieri che passa dal gioco, al prenatale, alla coppia, ai genitori.

Per caso e per amore…

Gioco, il cui etimo comprende il giorno e il dardo[1], è un suono tondo che riempie la bocca e l’anima di sapori sudati e zuccherini.

Continua la lettura di “Per gioco e per amore”

Gravidanza, feto e storia

30_Sedna_enceinte_argenty_e_VFGravidanza, feto e storia[1]

Riassunto ragionato della relazione di Marie-France Morel

Il lavoro ci propone uno scorcio circa il vissuto della gravidanza dal medioevo ai giorni nostri.

Marie Morel parte con la considerazione che la gravidanza è per la donna d’altri tempi un momento in cui si rispettano credenze e tradizioni, in cui la donna è  sottomessa a divieti così come a consigli e ingiunzioni di famiglia e vicinato. Direi che anche oggi la gravida è immersa in un flusso di informazioni più o meno scientifiche e fondate circa il miglior modo di compiere il viaggio che la porterà a dare alla luce suo figlio.

Continua la lettura di “Gravidanza, feto e storia”

Il pianeta dei folletti

favola.01

favola per un bimbo  prenatale  scritta dalla sua mamma

C’era una volta nella galassia della luce il pianeta dei folletti , lì ci vivevano con tutte le loro magie. Il pianeta era situato nella galassia più luminosa, da lontano si poteva riconoscerlo poiché lo circondava una luce bianchissima mentre il suo aspetto era di un azzurro intenso e il contrasto lo faceva brillare. Tutti gli abitanti vicini andavano a visitare il pianeta dei folletti perché le magie che facevano erano diventate leggenda, lo chiamavano il pianeta “Nuvola”. Le strade del pianeta erano ricoperte di ogni cosa, c’era la strada della luna, era la strada dove nessuno si poteva perdere poiché era lastricata di stelle luminose. C’era la strada che portava ai sogni, ogni sogno che si faceva su quella strada tutto si avverava, e che dire della strada che portava ai divertimenti più strani dove nuvole dorate danzavano lasciando la loro energia sui giochi di ogni specie, e poi c’era la strada della super magia lì tutto diventava magico e le magie erano di diversa natura, si poteva andare in giro per le varie costellazioni e le invenzioni erano così tante che anelli di fumo colorati salivano nel cielo per tutti gli esperimenti che i maghi facevano.

Continua la lettura di “Il pianeta dei folletti”