Blog frammenti

Mi è arrivato il Natale

Mi è arrivato il Natale
così, tra capo e collo,
una festa di letizia a strappi
prima che l’anno finisca
che si consumino i giorni,
prima dell’augurio riciclato
in mezzo ad un pensiero.
Penso ai regali che mi faccio
a quelli che mi nego
che sono sempre pesanti
che sono sempre di più.

Scrivo parole
con la stilografica, quasi sempre,
oppure a matita.
La stilo corre
e la mina si cancella.
Entrambe hanno tocco leggero.

Scrivo mordendomi il labbro
fermando un po’ il fiato,
lo sguardo sul rigo;
di getto, col cuore,
poi cancello, rileggo, correggo.

Una riga sull’inchiostro,
un altro segno;
riscrivo sillabe e lemmi,
così con pensieri e sentimenti;
li cambio e li modello,
volute poco virtuose,
fumo denso e piccante.

Mi è arrivato il Natale
e le altre feste insieme.

In fondo al mio sguardo,
laggiù proprio dopo
l’ultima curva,
sospendo il cuore
e l’occhio
e la mente,
sperando ancora di trovare
quel sentiero,
il solo,
che mi riporta da me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enter Captcha Here : *

Reload Image